Tag Archivio per: Il lavoro di Badante

Il Lavoro di Badante per i Giovani di Roma

Anche a Roma i dati dell’Istat relativi ai giovani tra i 15 e i 24 anni dimostrano che sin dall’adolescenza si prendono cura dei genitori con problemi fisici o psichiatrici, ma anche di altri familiari malati.

L’immagine del  badante è spesso associata a quella di una donna adulta, più o meno giovane a seconda che sia madre di figli piccoli o già grandi e, talvolta, figlia lei stessa di genitori anziani.

Nell’immaginario collettivo quasi mai si pensa che una anche una persona giovane, un adolescente possa trovarsi nella necessità di prendersi cura di un padre o di una madre con malattie croniche, problemi fisici o di salute mentale, dipendenze da alcol, da droghe o collaborare all’assistenza di un familiare con diverse forme e livelli di disabilità.

Sono invece molte le situazioni che vedono impegnati i giovani badanti: i sibling per esempio sono coloro che si occupano di un fratello o di una sorella con disabilità, oppure sono ragazzi di seconda generazione che fin da giovani si trovano a dover supportare le proprie famiglie in difficoltà rispetto alla burocrazia, le visite mediche, la vita quotidiana in un paese straniero, universi inaccessibili se non si hanno le appropriate competenze.

È stata creata un’associazione che ha come obiettivo di offrire supporto, informazione e tutela ai giovani badanti, ma anche di portare il fenomeno all’attenzione dell’opinione pubblica.

Perché si sa che quando il carico diventa eccessivo si possono generare delle problematiche psicologiche, come l’ansia, la depressione o, più in generale, la difficoltà nel riconoscere i propri bisogni e le proprie emozioni e pertanto si verificano casi di abbandono scolastico.

Inoltre questi giovani puntano su carriere più semplici e meno soddisfacenti.

 

Se cerchi una badante, affidati ad AES Domicilio, agenzia di selezione badante in 24 ore. Disponiamo di tariffe badanti estremamente competitive e siamo attivi su tutta la Lombardia, in Lazio e in particolare nelle province di Milano e Roma se cerchi Badanti a Milano, Badante a Monza, Badante a Como, Badante a Lecco e Badante a Roma.

 

Gli Anziani, la Sonnolenza Diurna e l’Aiuto della Badante a Roma

Quando le badanti sono all’interno di una famiglia a lavorare è sempre bene conoscere tutte le problematiche dell’anziano.

Una particolare sindrome che le badanti di Roma possono trovare sul loro posto di lavoro è la letargia che è una sindrome caratterizzata da eccessiva stanchezza, sonnolenza e mancanza di energie.

La sonnolenza diurna negli anziani non deve destare preoccupazione quando si verifica per brevi periodi, come ad esempio durante il cambio di stagione, in quanto può trattarsi di un meccanismo di adattamento del corpo alle nuove condizioni climatiche e al ritorno alle normali abitudini quotidiane.

Quando la sonnolenza è eccessiva e si protrae per lunghi periodi è necessario indagare sulle possibili cause.

La sonnolenza diurna negli anziani può anche essere dovuta all’assunzione di particolari farmaci tra cui gli ansiolitici, gli antidepressivi.

Secondo uno studio pubblicato nel 2018 dalla rivista Jama Neurology la sonnolenza diurna negli anziani può rappresentare uno dei primi sintomi della malattia di Alzheimer. Nello studio emerge che l’eccessiva sonnolenza sarebbe dovuta all’accumulo della proteina beta amiloide nel cervello: questa proteina si accumula nelle cellule cerebrali formando delle placche, che prendono il nome di placche beta-amiloidi.Tali placche determinano una degenerazione delle cellule cerebrali causando i sintomi della malattia di Alzheimer.

Tra le cause della sonnolenza diurna negli anziani troviamo anche la depressione che può determinare insonnia ma anche al contrario ipersonnia.

L’ipersonnia può essere definita come una sindrome caratterizzata da un’eccessiva quantità di sonno notturno e un’eccessiva sonnolenza diurna.

Anche l’alimentazione e l’introduzione del giusto apporto di liquidi sono fondamentali per evitare stanchezza e letargia in quanto come abbiamo visto la disidratazione e la malnutrizione, intesa come alimentazione eccessiva, possono provocare debolezza, stanchezza e sonnolenza.

È bene che la badante stia attenta dunque ad una alimentazione il più adeguata possibile.

Inoltre per fronteggiare questa costante fiacchezza tipica degli anziani una delle soluzioni migliori è che la badante faccia compiere all’assistito un minimo di esercizio fisico che contribuisce al miglioramento dell’efficienza muscolare a favore del corpo e della mente.

 

Per leggere altri approfondimenti sulle agenzie di badanti, oppure se vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante e quali sono tutti i passaggi burocratici da rispettare, contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta la Regione Lombardia, in Lazio ed in particolare nelle province di Milano e Roma se cerchi Badanti a Milano, Badante a Monza, Badante a Como, Badante a Lecco e Badante a Roma.

 

AES manuale badanti

Roma, il Manuale della Badante: Edizioni Aesdomicilio

L’Associazione AES Domicilio ha messo in opera un manuale per le famiglie e le badanti di Roma: da consultare, da regalare per conoscere meglio questo mondo, sia chi lavora e sia chi da lavoro.

Nella società odierna sta assumendo un ruolo sempre più importante, quasi fondamentale, la figura della badante, soprattutto riferita all’anziano.

In un tempo non tanto distante da noi una figura simile era rara, quasi sconosciuta, e i propri familiari erano gestiti da figli o parenti quando non venivano trasferiti in Case di Riposo.

Questo, oggi, non è più possibile: la durata della vita si allunga ma, ahimè, non sempre felicemente come si vorrebbe.

Gli anziani sono più numerosi ma nessun membro della famiglia può permettersi di non lavorare e restare ad assistere il congiunto.

Ci si trova così a dover prendere la decisione di assumere una badante che abbia cura del proprio anziano al posto della famiglia.

Questo libro vuole essere una guida per le famiglie per destreggiarsi nel mondo dell’assistenza domiciliare e, allo stesso tempo, un aiuto alle badanti per proporsi nel modo migliore e a trovare la famiglia più adatta a ognuno.

Un manuale, insomma, per incontrarsi tra famiglia e lavoratrice.

Verranno così sfatate alcune credenze così da restituire alle lavoratrici un profilo chiaro e professionale in una giungla di nozioni confuse.

In primo luogo, per quanto questo volume sia basato sulla figura della badante, essendo la grande maggioranza di questa figura composta da donne, non significa che non esistano i badanti.

Ci sono, pur se in numero minore, sono bravi e affidabili quanto le colleghe donne e questo è un punto da tener sempre presente e che è bene segnalare per rendere giustizia ai lavoratori del settore.

In generale, però, come dicevamo, la badante è donna e, nella gran parte dei casi, straniera.

Arriva in Italia alla ricerca di un lavoro e si cala in questo ruolo sia perché è un settore in crescita, sia perché, con buona volontà e disponibilità, non richiede formazioni o competenze troppo specifiche.

Si tratta, per molte di queste persone, di un modo veloce di trovare una sistemazione e una paga dignitosa.

Purtroppo, appunto, non sempre la questione è così semplice e lineare: brutte esperienze si contano ogni giorno da entrambe le parti.

La badante sfruttata e sottopagata o l’anziano maltrattato o trascurato riempiono le nostre cronache e spargono timori nell’una e nell’altra parte.

Non è possibile garantire che questa guida sia in grado di cancellare per magia le brutte esperienze, come è logico, ma sarà l’impegno a mettere nelle mani di figli, nipoti o fratelli dell’anziano e a lavoratrici in cerca di un anziano da accudire un prontuario valido per ogni problema che  possa insorgere e da consultare in ogni occasione.

 

AES DOMICILIO seleziona badanti ad hoc, molto competenti, soprattutto ha un vasto ventaglio di scelte tra “badante ad ore”, “badante h24”, o “badante di notte”.

 

Chi È e Cosa Fa la Badante a Roma

Tutti a Roma abbiamo sentito parlare della badante.

Ma chi è ? Cosa fa la badante?

E’ necessario che sia affidabile e responsabile, che conosca le basi dell’alimentazione per gli anziani, che sia consapevole della delicatezza del suo ruolo, che possa trasmettere gioia e serenità.

È facile capire che i compiti della badante possono cambiare in base alle condizioni di salute della persona che assiste.

Per questo motivo è sempre consigliabile indicare le mansioni in modo chiaro nel contratto di collaborazione.

La badante ha anche il compito di gestire le attività domestiche quotidiane come spolverare i mobili e pulire i pavimenti, lavare e stirare la biancheria della casa e, periodicamente, pulire finestre e balconi.

La badante si occuperà di eseguire quelle piccole commissioni necessarie alla gestione della casa come pagare le bollette o fare piccoli acquisti.

Ecco nel dettaglio di cosa si occupa una badante:

  • fare la spesa
  • preparare i pasti e servirli agli orari concordati
  • sbrigare le faccende domestiche per mantenere la casa pulita e ordinata
  • occuparsi della movimentazione e deambulazione, nel caso in cui la persona assistita sia costretta a letto o in sedia a rotelle o abbia difficoltà motorie
  • accompagnare la persona nelle uscite e commissioni quotidiane
  • curare la salute e l’igiene personale
  • verificare che la persona segua le terapie prescritte dal medico
  •  occuparsi della sfera relazionale
  • tenere compagnia alla persona assistita

La differenza da tenere in considerazione tra colf e badante risiede nei destinatari del loro lavoro.

In genere la badante assiste una sola persona invece la colf supporta tutta la famiglia.

Ma cambiano le mansioni delle due figure.

Questo perché la badante è una figura di assistenza alla persona, mentre la colf si occupa di gestire la casa e in particolare di curare l’ordine e la pulizia.

La famiglia che assume una colf può anche concordare alcuni incarichi ulteriori

  • preparare i pasti,
  • occuparsi degli animali domestici,
  • occuparsi delle piante

 

Vuoi sapere quanto costa una badante? AES Domicilio (assistenza anziani a domicilio) è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia, in Lazio ed in particolare nelle province di Milano e Roma se cerchi Badanti a MilanoBadante a MonzaBadante a ComoBadante a Lecco e Badante a Roma.

 

L’anziano a Roma sta meglio in Casa con la Badante

“Allora cosa facciamo? Meglio la badante o la casa di riposo?”

Una domanda alla quale anche a Roma non è facile rispondere quando i familiari si trovano ad avere bisogno urgentemente di un’assistenza continuativa e di cure costanti.
Per assistere nel migliore dei modi una persona anziana con una badante c’è bisogno di spazi per lei abituali.

Arrivati ad una certa età non si ha più la forza di provvedere a se stessi.

Nasce l’esigenza di un punto d’appoggio, umano e istituzionale, per continuare a vivere in maniera dignitosa.

La legge Italiana e i trattati internazionali sanciscono il concetto che ogni essere umano ha il diritto di una vita dignitosa.

Ovviamente la famiglia è la prima a cercare di sostenere e supportare il familiare con tutti i mezzi di cui dispone.

Capita spesso però che non si hanno le possibilità e in questi casi ci si può appoggiare all’assistenza domiciliare cioè ad una badante.

 

La scelta di mantenere l’anziano nella propria casa è una scelta dettata anche dalle condizioni di salute del soggetto.

Non “sradicare” la persona dalla propria casa, dai sui ricordi e dalle sue cose è una scelta importante che permette all’anziano di vivere gli ultimi anni nel “suo ambiente”.

 

La badante è una persona, che accudisce anziani, malati o persone non autosufficienti.

E’ la soluzione ottimale per tutti coloro che non riescono ad accudire il proprio caro e non vogliono nemmeno trasferirlo in una casa di cura.

La badante è una figura che va a convivere con l’anziano, lo accudisce in tutte le faccende e si prende cura della persona e della casa in modo autonomo.

I servizi sono utili per gli anziani che possiedono una certa autonomia, anche se limitata. Ci sono servizi e assistenza per:

  • Preparazione dei pasti
  • Pulizia della casa
  • Cura della persona (igiene personale)
  • Assistenza nelle cure mediche

 

Se cerchi una badante, affidati ad AES Domicilio, agenzia di selezione badante in 24 ore. Disponiamo di tariffe badanti estremamente competitive e siamo attivi su tutta la Lombardia, in Emilia Romagna, in Lazio e in particolare nelle province di Milano, Modena, Bologna e Roma se cerchi Badanti a Milano, Badante a Monza, Badante a Como, Badante a Lecco, Badante Modena, Badante Bologna e Badante a Roma.

 

anziana e badante roma

Roma, l’Anziana e la sua Badante si Raccontano

Raccontiamo a Roma la storia di Delfina e della sua badante Jenny.

Delfina ha 81 anni, ha qualche problema di vista ma soprattutto ha difficoltà motorie per cui non si sente di uscire da sola, nemmeno per fare la spesa nei negozietti sotto casa.

Jenny la aiuta in casa già da qualche anno ma ora si occupa di lei in maniera più stabile e continuativa, accompagnandola a fare la spesa o dal medico o in farmacia, o anche, semplicemente la accompagna, quando il tempo è bello, a fare una breve passeggiata.

“Per me, -dice Delfina- la presenza di Jenny è indispensabile. Viene tutte le mattine e sbriga le faccende domestiche, poi mi accompagna a fare la spesa e quando è necessario andiamo insieme dal medico di base. Mi accompagna anche per qualche visita specialistica o in farmacia.
Ma non si tratta solo di questo, per me è importante avere qualcuno con cui scambiare quattro chiacchiere o commentare un programma televisivo.
Sarebbe importante che la Sanità Pubblica si facesse carico in modo più completo dei problemi degli anziani: non basta fornire i farmaci, ci vorrebbe un’assistenza medica domiciliare più continua ed efficiente ed anche qualcuno che possa fornire semplicemente compagnia nella ore pomeridiane.
Per il momento sono ancora in grado di badare a me stessa, quindi non mi serve una convivente, ma se non dovessi più farcela sarebbe davvero un problema. Comunque, mi è piaciuto avere la possibilità di parlare di noi della terza età e delle nostre esigenze”

 

Se cerchi una badante, affidati ad AES Domicilioagenzia di selezione badante in 24 ore. Disponiamo di tariffe badanti estremamente competitive e siamo attivi su tutta la Lombardia, in Emilia Romagna, in Lazio e in particolare nelle province di Milano, Modena, Bologna e Roma se cerchi Badanti a MilanoBadante a MonzaBadante a ComoBadante a LeccoBadante ModenaBadante Bologna e Badante a Roma.

 

“Aiuto la signora Delfina già da diversi anni – ci racconta Jenny – e mi rendo conto che la sua situazione diventa con il tempo sempre più complicata: da che conduceva una vita attiva e autonoma, ora ha bisogno di assistenza anche nelle piccole cose per i suoi problemi di ridotta mobilità. L’accompagno dal medico, in farmacia, a fare la spesa.
Anche io avrei bisogno di essere più seguita e supportata in questo lavoro che diventa ogni giorno di maggior responsabilità, mi piacerebbe che il servizio sanitario mi supportasse con una formazione specifica: l’assistenza all’anziano non può essere lasciata al buon senso e alla responsabilità del badante. È bello sapere che qualcuno si interessa ai problemi di noi badanti, finora avevo la sensazione di appartenere ad una categoria di invisibili. “

 

 

pazienza della badante roma

Un Particolare Importante: la Pazienza della Badante a Roma

La pazienza rappresenta una fondamentale virtù della badante di Roma nell’assistenza dell’anziano: non è possibile immaginare la cura, la dedizione, passione per queste persone e per questo lavoro senza la pazienza.

La pazienza molte volte costituisce un aspetto innato del proprio agire quotidiano, altre volte occorre apprenderlo nel corso della vita in quanto elemento essenziale per affrontare le difficoltà che incontriamo.

Per le badanti diventa un fondamentale requisito di ammissione, un particolare da non sottovalutare: per queste ragioni risulta fondamentale conoscere accuratamente chi entra nelle nostre case, rivolgersi a chi effettua e conosce questo campo in maniera professionale, evitando così improvvisazioni o lavori superficiali.

Ci sono alcuni esempi che ci possono far capire quanto sia necessaria la pazienza, per esempio la badante si trova a lavorare con persone con difficoltà motorie o mentali, o entrambe, quindi il loro comportamento può essere imprevedibile o irrazionale e di difficile gestione.

Pensiamo ad esempio agli scatti di rabbia di un anziano.
Spesso non riesce più a fare le cose che fino a qualche tempo prima gli erano abituali e quindi può manifestarsi la rabbia per non riuscire più a camminare sulle proprie gambe.
Pensiamo anche ai comportamenti irrazionali di un malato di Alzheimer.

Senza dubbio con la pazienza e con il suo autocontrollo la badante deve rappresentare un supporto per il suo assistito.

Disposizione d’animo abituale o attuale, congenita al proprio carattere o effetto di volontà e di autocontrollo, ad accettare e sopportare con tranquillità, moderazione, senza reagire violentemente, il dolore e i disagi, altrui…
Il ruolo della badante non è tra i più facili, per questo bisogna mantenere la calma in molte situazioni difficili e usare un tono distensivo per stemperare gli animi.
Occorre stare vicino alle persone, saperle ascoltare e comprenderle e, magari, consigliarle nel modo più delicato e sincero.

 

Per leggere altri approfondimenti sulle agenzie di badanti, oppure se vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante e quali sono tutti i passaggi burocratici da rispettare, contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta la Regione Lombardia, in Emilia-Romagna, in Lazio ed in particolare nelle province di Milano, Modena, Bologna e Roma se cerchi Badanti a Milano, Badante a Monza, Badante a Como, Badante a Lecco, Badante Modena e Badante Bologna e Badante a Roma.

 

badante e temperatura roma

La Badante di Roma e come Misurare Correttamente la Temperatura

Tra le persone anziane di Roma un problema che può evidenziarsi soprattutto durante l’inverno, ma anche se dovesse esserci un più grave problema, è la febbre.

Esistono vari tipi di misurazione della temperatura, sicuramente alcune più usate in contesti di ospedali e alcune classiche che usa anche la badante.

Una prima misurazione della temperatura è quella rettale che è il modo più affidabile di ottenere un valore della temperatura interna.

La misurazione orale è una delle più frequenti e può essere effettuata:

  • come misurazione vestibolare (nella guancia)
  • come misurazione sublinguale (sotto la lingua)

 

La più utilizzata in assoluto in tutte le case e anche dalle badanti è la misurazione ascellare: si tratta di una misurazione della temperatura superficiale del corpo medico sotto l’ascella.

Il rispettivo arto viene premuto contro il corpo per ridurre la possibile influenza della temperatura ambientale.

Tuttavia, ciò è possibile solo fino a una determinata massa corporea e questo tipo di misurazione richiede molto tempo.

 

Esistono diversi termometri tra cui scegliere, a seconda dell’area del corpo sulla quale si desiderano effettuare le misurazioni:

  • Termometro auricolare per la misurazione della temperatura del timpano che viene misurata con un sensore a infrarossi. Oltre alla facilità d’uso, anche per le badanti, questo metodo di misurazione è anche molto affidabile, a condizione che l’affidabilità sia stata dimostrata per scopi clinici. I termometri auricolari costruiti con cura hanno un livello di precisione molto elevato e una bassa variabile dei risultati.
  • Termometro frontale: questi termometri sono considerati il modo più comodo per misurare la temperatura corporea. Il termometro frontale viene posizionato sulla fronte del paziente. Un sensore a infrarossi rileva il valore più alto misurato, mentre un secondo sensore misura la temperatura ambiente.

 

AES DOMICILIO seleziona badanti ad hoc, molto competenti, soprattutto ha un vasto ventaglio di scelte tra “badante ad ore”, “badante h24”, o “badante di notte”.

 

badante e disidratazione roma

La Badante e il Rischio Disidratazione del Paziente a Roma

Anche a Roma la badante  ha la gestione della cucina, quindi la preparazione dei pasti e naturalmente anche del bere.

L’idratazione degli anziani è particolarmente delicata.

Con il passare degli anni il contenuto totale d’acqua dell’organismo diminuisce, scendendo a meno del 60% del peso corporeo.

Le persone anziane sono più a rischio per diverse serie di ragioni:

  • sentono meno la sete
  • nei reni diminuisce la capacità di filtrazione dei glomeruli e l’efficienza dei tubuli
  • si riduce la capacità di concentrare le urine
  • alcuni farmaci di uso comune, come diuretici e lassativi, aumentano le perdite idroelettrolitiche
  • l’uso di sedativi altera  lo stimolo della sete
  • la risposta ormonale alla disidratazione è spesso insufficiente

Gli anziani devono essere messe in condizione di bere con facilità ed è importante che la badante presti particolare attenzione a quelle persone con disabilità mentali, difficoltà nella deglutizione e a chi ha già riportato episodi di disidratazione o si trova in uno stato acuto di malattia.

Di quanta acqua ha bisogno un anziano?

Per avere una semplice stima della quantità d’acqua da assumere basta moltiplicare il peso corporeo per 30 ml.

Ad esempio, una persona di 70 kg dovrebbe bere circa 2.1 litri di liquidi al giorno.
Bisogna conoscere che la disidratazione negli anziani può essere causa di morte perché, se non trattata tempestivamente, può portare a grave insufficienza renale e conseguente insufficienza multi-organo.
Fortunatamente i segnali della disidratazione sono abbastanza riconoscibili dalla badante e questo consente di intervenire in fretta appena si presentano.

È importante per la badante sapere che segni indiretti di disidratazione sono lo stato confusionale e il sopore.
Il modo migliore per monitorare il rischio di disidratazione dell’anziano è quello di controllare i liquidi assunti (ad esempio numero di bicchieri) e la quantità di urina.

È importante ricordare che il motivo principale per cui l’anziano non beve è la quasi totale assenza del senso della sete.

A volte  anche le difficoltà nella deglutizione possono essere un ostacolo significativo alla corretta idratazione e all’assunzione di tutte quelle sostanze, come i sali minerali, necessarie per mantenere un benessere psico-fisico adeguato.
Visto che nell’anziano il riflesso della sete è assente, è fondamentale fare bere gli anziani a cadenza stabilita durante la giornata, come consiglio per la badante.

 

Vuoi sapere quanto costa una badante? AES Domicilio (assistenza anziani a domicilio) è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia, in Emilia-Romagna, in Lazio ed in particolare nelle province di Milano, Modena, Bologna e Roma se cerchi Badanti a MilanoBadante a MonzaBadante a ComoBadante a LeccoBadante ModenaBadante Bologna e Badante a Roma.

 

il natale a casa dell'anziano roma

Il Natale a Casa dell’Anziano e della Badante a Roma

Anche a Roma il Natale è ormai alla porte e rappresenta per molti il periodo più bello dell’anno, l’atmosfera si riempie di magia con gli addobbi, i regali, le luci e si respira ovunque aria di gioia e allegria.

La tradizione di questo periodo richiede molta organizzazione per destreggiarsi tra i regali, le visite dei parenti, i menù delle feste, tanto che, per dare spazio a tutto questo ci si dimentica che il vero significato del Natale è racchiuso nell’affetto sincero e incondizionato della famiglia.

Gli anziani sono l’essenza delle nostre radici familiari e rappresentano il punto di riferimento di questa festività ma può capitare che in queste occasioni le loro esigenze e bisogni passino in secondo piano.

Per loro, il Natale è vissuto da un lato come un momento di gioia e orgoglio nell’avere riunita la famiglia, dall’altro come un evento che può portare a malinconia per il passato.

Se l’anziano è quotidianamente seguito da una badante è bene coinvolgere anche questa persona nelle celebrazioni.

La badante rappresenta per l’anziano un punto fisso, una fonte di sicurezza a cui rivolgersi in caso di bisogno, oltre a essere a tutti gli effetti parte integrante della famiglia.

Cosa può fare la badante per aiutare un anziano a vivere al meglio le feste, ecco alcuni pratici consigli che una badante è bene che impari:

  • Cercare di ascoltare e osservare la persona di cui ci si prende cura per capire ciò che lo disturba, lo rende triste e malinconico
  • cercare di farlo partecipare nei limiti possibili alla preparazione della festa
  • condividere ricette tradizionali dei Paesi d’origine e preparare insieme dei biscotti
  • aiutare ad aggiungere tocchi decorativi alla casa preparando semplici addobbi insieme

La cosa più importante, rimane trascorrere del tempo con un anziano per farlo sentire amato e incluso.

Guardare le foto di famiglia, rivedere dei vecchi filmati, ascoltare della musica natalizia o semplicemente preparare la tavola e piegare la biancheria insieme, è un modo per coinvolgere l’anziano e farlo sentire utile.

Indipendentemente da ciò che si decide di fare, il solo farlo insieme è un regalo prezioso.

 

Se cerchi una badante, affidati ad AES Domicilio, agenzia di selezione badante in 24 ore. Disponiamo di tariffe badanti estremamente competitive e siamo attivi su tutta la Lombardia, in Emilia Romagna, in Lazio e in particolare nelle province di Milano, Modena, Bologna e Roma se cerchi Badanti a Milano, Badante a Monza, Badante a Como, Badante a Lecco, Badante Modena, Badante Bologna e Badante a Roma.